DECAMERONE 1/2

DECAMERONE 1/2

Illustrazione di DOMENICO MARTINO

Biografia - Dopo il diploma alla Scuola Internazionale di Comics si butta di testa sulla satira politica. Dal 2013 al 2018 autoproduce diversi albi, tra cui la Trilogia del Comunista (composta da Il giorno della manifestazione, Incubo sulla città decerebrata e La crisi) e i due volumi di TRAMPLAND!, serie di storie brevi su Donald Trump e dintorni.
Nel 2019 inizia a collaborare con Gonzo Editore, con cui pubblica il fumetto Matteo Salvini: Operazione Africa e Seggio N. 42: Europa’s Calling, storia satirica sulle elezioni europee, presentata a Prato Comics+Play 2019 e stampata in 500 copie numerate.
Collabora col collettivo toscano Amianto Comics e pubblica le sue vignette satiriche sulla sua pagina Facebook N.R.D. – Nessuna Rete Disponibile.

Estratti dai commenti dei detenuti - edizione 2018 del progetto I Classici dentro e fuori il Bassone

Breve trama - clicca per accedere alla trama del libro. 

 

“Tutto quello che amo fare è immorale o illegale, ed io cosa ci posso fare?
Ognuno è fatto a modo suo, la differenza fra noi e Pancrazio è che a noi ci hanno giudicato per quello che abbiamo fatto, basati su testimonianze o chi colto sul fatto. Ma se mi avessero chiesto, - Tu cosa hai fatto di male? – sicuramente non avrei parlato di reati perseguibili a termine di legge. Non so neanche se sarei stato in grado di raccontare le mie piccole azioni quotidiane da piccolo bullo come: ho fatto lo sgambetto a questo, ho rotto un bicchiere per rabbia, o altri piccoli gesti non perseguibili. Poi la differenza tra me e ser Ciappelletto è che lui le sapeva raccontare, si arrampicava sugli specchi e saltava da un palazzo all'altro a suon di cazzate, tutto senza esitare, tutto ricco d’inventiva e senza dare nessuna opportunità al prete di parlare, lo intontiva così tanto di avvenimenti così futili e di poco conto che, oltre a non dargli il tempo di farsi assolvere, incominciava con un’altra storia.
Ma come dice un vecchio detto, o molti tatuaggi, “Dio perdona, il pm no.”

(Cit. G.C. 2018)

A me non fa paura ser Ciappelletto, nemmeno un poco, ma dove trova la forza e il coraggio di rinchiudere in sé tanta malvagità, vizi, bruttezza e fare da contrappeso al resto?
Vi racconto una storia, vera questa volta, del mio paese. E’ recente ed è ancora in atto. Nel 1990-1991 iniziò da noi il movimento contro il regime dittatoriale. Al capo di questo movimento si impose un personaggio, quasi biblico per gli albanesi. Il regime viene rovesciato con il minimo spargimento di sangue possibile. Poi diventò presidente e raccolse vicino a se uomini che sarebbero diventati la nostra classe dirigente. Dopo appena uno o due anni, si ribellarono i primi, poi ce ne furono anche degli altri. Certi li cacciò via, certi li costrinse a tacere e certi li ammazzò. Poi, quelli che si erano ribellati, vennero chiamati da lui, e uno ad uno gli venne spiegato il motivo per il quale erano stati scelti. Tutti, senza nessuna eccezione, avevano una macchia, che per quanto piccola, avrebbe rovinato la loro carriera e la possibilità di arricchirsi. Non so dirvi la percentuale, ma quelli che lo seguirono fu un intero esercito, che portò lui a sopravvivere anche in questo momento in cui stiamo parlando. E non mi sorprenderà che lui diventerà un eroe nazionale alla sua morte, come ser Ciappelleto è diventato santo.”

(Cit. A.X. 2018)

Leggendo l’inizio di questa novella, la mia mente istintivamente mi fa pensare alla religione, alle tavole dei 10 comandamenti, al divino, al credere in qualcosa o in qualcuno. (…) Io sono ateo, non credo in cose legate a Dio, con questo non voglio dire che non credo in niente, questo fino ad oggi; poi mi allaccio a un altro commento di una persona del nostro gruppo, se un giorno mi succedesse qualcosa di concreto che mi farebbe rimanere stupito, anch'io inizierei a credere.
Vado in chiesa perché per me è un momento in cui riesco a concentrarmi con il pensiero ai due lutti subiti in questo 2018. Alcune volte quando echeggiano i suoni degli strumenti e la voce del piccolo gruppo musicale riesco a commuovermi, per me è un momento in cui sto bene, tant'è che quando esco dalla messa, ne sono veramente soddisfatto e mi sento bene. Tornando al credere in qualcosa, in qualche Dio, per me il vero Dio, se così si può chiamare, è la natura e la scienza.
Altra cosa che spicca sono i dieci comandamenti, i quali il nostro Notaio dell’alta borghesia trasgredisce a suo favore con una consuetudine a dir poco straordinaria, abbindola tutti coloro che lo circondano facendo credere loro della sua onestà pura."

(Cit. W.D.B. 2018)

"I valori sono valori, non necessariamente, debbano essere cristiani, e la malvagità delle persone è ovunque non ha importanza, che sia dio o chissà quale altra simbolica divinità, importante è credere nei propri obiettivi e scopi, questa è la certezza assoluta. Ma torniamo sul pezzo, l’avidità di Ser Ciappelletto, nei giorni nostri lo possiamo chiamare volgarmente strozzinaggio, cioè Equitalia e compagnia bella, che differenza c’è? Tanto servizievole, con la speranza di avere favoritismi. Per poi arrivare in punto di morte e redimersi, certo si cerca il signore solo nel momento del bisogno. Classico di tanti, e la coerenza dove sta? Davanti alla morte tutti hanno paura, troppo comodo!!!
Divertentissima la novella n.4 di Chichibio, personaggio alquanto bizzarro e di spiccato umore, per amore ha rischiato la pelle, ma appunto quel suo umorismo spontaneo gli permise di passarla franca, chi non fa sciocchezze per amore?"

(Cit. G.D.S. 2018)

Date

13 Gennaio 2020

Tags

Fumetti e Libri
©2022 Associazione Bottega Volante. Diritti riservati. Sito realizzato da ARCI Noerus aps

Search

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.